Articolo

Nuove piante e cocciniglia

L'importanza di svasare e controllare le nuove piante

Ormai, lo sapete, è un consiglio ricorrente, ed oggi ho voluto documentare con qualche fotografia l'importanza di controllare accuratamente le piante appena acquistate o regalate.

Prima di portare in serra o nella nostra collezione le nuove piantine è fondamentale svasarle e ripulire completamente il pane di terra almeno per tre motivi:

a) sostituire il terriccio spesso troppo torboso e poco minerale per utilizzare il nostro mix preferito. Questo ci consentirà di uniformare le innaffiature con le altre nostre piante perchè i tempi di asciugatura saranno simili.

b) potare eventualmente le radici ed eliminare la terra compatta che eventualmente si è formata nella zona del colletto.

c) verificare lo stato di salute del colletto e che non siano presenti cocciniglie o altri parassiti. E' una operazione importante che ci permetterà di evitare il contagio ad altre piante.

Lo so, sono il primo che spesso per mancanza di tempo o sottovalutazione di questi aspetti non eseguo sempre questi controlli, questo post infatti vuole essere un promemoria di quanto invece sia importante farlo.

Ieri mi è stato donato da un amico un bel cespo di Conophytum frutescens, purtroppo nel rinvaso ho trovato cocciniglia cotonosa radicale, è stato fondamentale quindi buttare la vecchia terra con le uova e pulire completamente le radici. Ora la pianta è in fase di asciugatura per qualche giorno e con la prima irrigazione darò probabilmente un insetticida sistemico. 

 

Tu svasi le piante dei nuovi acquisti? quante volte hai trovato la cocciniglia? Scrivilo nei commenti qui sotto!

cocciniglia_cot_200323_.JPG cocciniglia_cot_200323.JPG

Articoli | 24-03-23 08:30 | Visite: 240

Sempre, assolutamente operazione da fare! Lo scorso anno ho perso una succulenta causa cocciniglia, non sono riuscito a debellarla neppure con l'insetticida appropriata!

Commento del 24-03-2023 10:23 di Utente Non Registrato

Per insetticida sistemico quale tipologia consigli?

Commento del 27-03-2023 14:08 di Utente Non Registrato

I nomi commerciali sono tanti, bisogna valutare contro cosa vogliamo usarlo e scegliere il principio attivo. Evitare di usarli per pi¨ di una o due stagioni e darli ruotarevper evitare resistenze

Commento del 31-03-2023 07:01 di Sergio

Il problema principale per chi non ha il patentino verde Ŕ la difficile reperibilitÓ. Per questo motivo per i pochi che si trovano in commercio per hobbysti bisogna leggere di bolta in volta le etichette e valutare

Commento del 31-03-2023 07:03 di Sergio

« Indietro | 807 di 825 | Avanti »