Articolo

Turbinicarpus subterraneus

La pianta della settimana. Scheda tecnica

Famiglia: Cactaceae

Genere: Turbinicarpus, spesso accomunate a Neolloydia.

Specie: subterraneus

Etimologia: il nome del genere dipende dalla forma del frutto: da túrbo, -inis turbine, vortice, trottola e dal greco καρπός carpós frutto (frutti d'aspetto conico e andamento elicoidale). La specie invece deriva da sotterraneo, per la presenza di organi che si sviluppano sul o sotto il terreno

Sinonimia: Echinocactus subterraneus; Gymnocactus subterraneus (Backeb.) Backeb; Neolloydia subterranea (Backeb.) H. E. Moore; Rapicactus subterraneus (Backeb.) Buxb. & Oehme;  Thelocactus subterraneus (Backeb.) Backeb. & F. M. Knuth;  Turbinicarpus mandragora ssp. subterraneus (Backeberg) J. Lüthy; Pediocactus subterraneus

Distribuzione: Si tratta di una specie presente in piccole popolazioni nei comuni di Aramberri, Doctor Arroyo e Mier y Noriega nello stato di Nuevo Leon (Messico)

Habitat: vive tra rocce calcaree o gessose.

Descrizione: E' un piccolo cactus solitamente solitario, a forma di clava, alto fino a 15cm, e largo 3cm, con epidermide color verde-bluastro. Il fusto è tipicamente prostrato, con un colletto stretto pochi millimetri e si allarga alla sommità. Al disotto del terreno forma una grossa radice tuberosa. L'apice è lanoso. Ogni areola ha da 16 a 19 spine radiali, irradiate orizzontalmente, color bianco, lunghe 2-6 mm. Solitamente solo 2 spine centrali dritte, erette, grigio-nerastre , lunghe 20-23 mm. fiorisce in estate dall'apice e i fiori sono larghi sino a 3cm e lunghi 2-3. Il loro colore varia da biancastro a rosa-magenta, con striscia centrale rosa o marrone. Se impollinati produce frutti bruno-verdastri, piccoli quasi sepolti tra la lana.

Coltivazione: E' una specie abbastanza facile da coltivare ma abbastanza incline a marcire, soprattutto dopo la prima fioritura. Ha bisogno di un terreno molto ben drenato e richiede un forte sole per separare il sole ma va abituato gradualnmente. Le innaffiature devono essere ben diradate per mantenere la pianta compatta, ed evitare che diventi eccessivamente allungata e di aspetto innaturale. Mantieni asciutto in inverno, o quando le temperature notturne rimangono sotto i 10°C. Resiste a -4°C per un breve periodo e se completamente asciutto. Assicurare una buona ventilazione soprattutto in estate e inverno.

Riproduzione: Da seme in primavera. 

 

Spendida foto di @cactofilos

cactofilos_inta_turbsubt.JPG

Articoli | 16-06-23 14:08 | Visite: 544

Commenta prima degli altri!

« Indietro  | 809 di 935 | Avanti »