Articolo

Albuca bracteata

La pianta della settimana. Scheda tecnica

Famiglia : Hyacinthaceae

Genere: Albuca

Nome scientifico :  Albuca bracteata

Etimologia: il nome del genere deriva dal latino albus dal fatto che la prima specie descritte portavano fiori bianchi. La specie deriva dal latino botanico bractea= brattea, cioé fornito di brattee che sono foglie modificate che sottendono i fiori o le infiorescenze

Nome comune : falsa cipolla

Sinonimi : Fenelonia bracteata, Ornithogalum bracteatum.

Origine : Sudafrica, zone costiere del Capo meridionale del Sudafrica fino al KwaZulu-Natal, dove si estende anche nell'entroterra fino alle pendici dei Drakensberg, e si diffonde verso nord nell'Africa tropicale orientalead una altitudine masdima di 300 metri.

Habitat: é una specie molto diffusa.

Descrizione: pianta sucvulenta bulbosa apprezzata per via del bulbo verde opalescente, rivestito di uno o più strati cartacei che si spaccano per rivelare i bulbilli. Le infiorescenze sono spighe alte 70-90 cm, sormontate da piccoli fiori bianchi profumati con strisce centrali verdi, spesso prodotte in stagioni diverse. 

i bulbi sporgono dal terreno, sono globosi o ovoidi,  raggiungono i 3-8 (-10) cm di diametro, lisci, opalescenti, verde mela pallido, grigio, che espongono il tessuto vivo verde. Quando sono più grandi producono bulbilli sui lati. I peduncoli dei numerosi bulbilli sono uniti tra loro e con la faccia della guaina della foglia successiva.

ha lunghe radici bianche succulente.

le foglie sono simili a nastri e assottigliate in punta, ascendenti o curve, semi-succulente, flaccide, incanalate, crescono molto lunghe in circostanze ideali fino a 60cm di lunghezza, 20-50 mm di larghezza in basso. Le foglie appassiscono dall'apice e si seccano.

Infiorescenza é un racemo eretto, moderatamente robusto lungo 45-90 cm. Ha brattee subulate-setacee (filiformi), da una base lanceolata allargata. Possono esserci fino a 50-100 fiori per gambo.

I Fiori sono  piccoli, profumati, bianchi, con strisce centrali verdi. I frutti che forma sono capsule globose a tre camere, lunghe fino a 10 mm e con un diametro di 6 mm.

Semi: oblunghi, angolari, 4 x 1,5 mm, non ammassati né compressi.

Periodo di fioritura: di solito fioriscono da maggio ad agosto.

Coltivazione:  facile nel nostro clima mediterraneo, basta rpararla dal gelo in inverno e lasciarla asciutta.
Coltivare in mix di terreno sabbioso e ben drenante. Se asciutta resiste bene a brevi gelate ma non a meno di -7gradi °C

Preferisce il sole diretto ma non in estate. Io le tengo in zona molto luminosa ma non al sole diretto.

Lasciare asciugare leggermente le piante tra un'annaffiatura e l'altra, bagnare dalla primarera all'autunno.

Propagazione: Più facile per divisione di bulbilli ma anche per seme.

Curiosità: in Africa le sue foglie frantumate se usate come pomata sono un rimedio efficace per numerosi disturbi; ad esempio per alleviare mal di testa e mal di gola; contro i reumatismi si applica sulle zone dolorose e si dice che abbia effetti curativi simili all'aloe vera. Sono efficaci anche in caso di gravi punture di insetti. Utilizzato anche come sciroppo cotto con zucchero candito contro il raffreddore. In realtà é scientificamente provato che molte sue parti sono tossiche se ingerite.

Foto: un mio esemplare in fiore ora

20240628_071924.jpg 20240628_071906.jpg 20240628_071902.jpg 20240630_072435.jpg 20240630_072457.jpg

Articoli | 30-06-24 07:26 | Visite: 91

Commenta prima degli altri!

Ti potrebbe interessare anche:

« Indietro  | 930 di 935 | Avanti »