News

Agave victoria-reginae

La pianta della settimana. Scheda tecnica

 

Famiglia: Agavaceae

Nome scientifico: Agave victoria-reginae

Origine: è endemica delle montagne orientali della Sierra Madre, (stato di Coahuila e sud di Nuevo Leon), e nel nord-est del Messico (Huasteca Canyon, Sierra de las Noas, Viesca, e le aree adiacenti appena a sud di Saltillo)

Habitat:cresce principalmente nel terreno calcareo in ambiente desertico o semi-desertico su pendii ripidi e su pareti del canyon dove formano grandi colonie. Spesso crese con colonie di Hechtia, un genere di bromeliacee. 

Nomi comuni: queen Victoria agave(inglese), “agave de la reine Victoria” (francese), “agave de la reina Victoria”, “noha”, “noa”, “pintillo” (spagnolo).

Etimologia: il nome gli è stato dato da Thomas Moore in onore della regina Vittoria d'Inghilterra .

Descrizione: E' un agave molto bella, sicuramente una delle più collezionate del genere. Ha una crescita lenta e forma rosette singole e compatte fino a 45cm di diametro (solitamente raggiunge 25cm), la forma  caespitosa ivece forma più rosette e di dimensioni inferiori. E' comunque molto variabile sia per variegatura delle foglie sia per pollonatura. Le foglie sono lunghe 15-20 cm e raggiungono 3 cm di larghezza. Sono rigide e spesse di un bel colore verde scuro, e ben marcati margini bianchi e una linea longitudinale bianca in rilievo. Le foglie non sono dentate ed hanno una sola spina corta nera centrale
L'infiorescenza è una spiga alta dai 2 ai 4 metri, contiene molti fiori accoppiati di vari colori, spesso con sfumature di rosso porpora. Fiorisce dopo 20/30anni in estate e come tutti i tipi di Agave dopo aver fiorito secca. 

Coltivazione: Pianta di facile coltivazione. Richiede terreno ben drenato e sole pieno o ombra nel pomeriggio duranti i mesi più caldi.  Richiede una buona ventilazione e irrigazioni abbondanti ma diradate. Può essere coltivata in piena terra ma nei climi freddi è consigliabile coltivarle in vaso in modo da poterle ricoverare durante l'inverno in locali freschi e asciutti. Infatti in inverno le irrigazioni andrebbero sospese o limitate soprattutto quando va a riposo vegetativo (tollera comunque temperature  sino -10°C se asciutto).  

Propagazione: Si riproduce grazie ai semi. La f. caespitosa produce polloni dal fusto principale che possono essere staccati in primavera. 

Curiosità: da centinaia d'anni le agavi vengono utilizzate per svariati scopi come ad esempio per ricavarne le fibre per tessuti e cordame e per fare bevande alcoliche come la Tequila. Persino i fiori sono commestibili arrostito o bolliti.

 

Altre immagini da Google

pict00291.jpg JCPFS82.JPG agvc.jpg

News | 14-05-2018 14:40 | Autore: Sergio | Visite: 6403

Nascondi 4 Commenti

La pianta madre seccherá insieme allo stelo. Puoi separare i pollini basali e seminare i semi

Commento del 08-08-2019 09:32 di Sergio

La mia agave regina V. È fiorita in vaso dopo 16 anni. Lo stelo, ricco di centinaia di infiorescenze è alto tre metri. Cosa accadrà ai figlioletti? Devo staccarli dallo stelo con quale tempistica?

Commento del 07-08-2019 15:53 di Utente Non Registrato

grazie della precisazione, io ho nella collezione alcune che pollonano sono sicuramente forme caespitose.

Commento del 14-05-2018 14:42 di Sergio

Agave victoria reginae a differenza di altri tipi di agave non fa polloni è quindi riproducibile solo da seme

Commento del 13-05-2018 20:22 di Utente Non Registrato

Ti potrebbe interessare anche:

21-08-2019 Agave parryi

13-12-2017 Agave stricta

13-06-2015 Agave attenuata 

21-01-2015 Agave Fotolibro - (File PDF, 4Mb)

24-01-2013 Agave lophantha "quadricolor"

« Precedente | Articolo 459 di 579 | Successivo »