Articolo

Opuntia microdasys

La pianta della settimana. Scheda tecnica

 

Famiglia : Cactacee

Genere: Opuntia

Nome scientifico :  Opuntia microdasys albispina (o forma albata)

Nome comune : Orecchie di Coniglio, cactus a pois

Sinonimi : Opuntia macrocalyx

Origine : Messico centro settentrionale

Habitat: zone semidesertiche del Messico

Descrizione: E' una delle circa 360 specie del genere Opuntia, uno dei più numerosi tra le Cactacee. E' una pianta perenne eretta dal fusto ramificato che con l'età forma un cespuglio alto sino ad un metro circa. Le pale che tecnicamente si chiamano "cladolo" non sono altro che fusti appiattiti a forma ovale, lunghi 10cm, con numerose areole densamente ricoperte di spine cortissime e smili a corte setole chiamate "glochidi". Nella forma albispina sono di un bianco candido ma possono andare dal color bruno-rossastro della varietà rufìda al classico giallo oro.
In estate produce fiori diurni di colore giallo grandi circa 4cm. A maturazione avvenuta crescono frutti rossi edùli.

Coltivazione:   Facile, cresce bene nel nostro clima mediterraneo. Si presta quindi ad essere coltivata anche in piena terra in un giardino roccioso. Ha bisogno di una posizione luminosa, anche pieno sole. Meglio pero' in estate cercare una posizione in cui riceva pieno sole al mattino  ma ripararla dal sole forte delle ore più calde. Non richiede terricci specifici ma è bene fornirle terreno ben drenante con il solito mix di terriccio universale, sabbione e inerti in parti uguali. Irrigazioni abbondonati ma diradate dalla primavera a fine estate per poi farla svernare all'asciutto in inverno a temperature intorno ai 5 gradi. Anche se resiste sino a -5°C teme le gelate con umidità prolungata. 

Riproduzione: Facile per seme o talea. Per talea è sufficiente staccare le pale e riporle a radicare in posizione verticale interrate per 1 max 2 cm su un substrato poroso matenuto solo leggermente umido.  

Malattie: è spesso colpita prima delle altre piante dalla cocciniglia. Per questo è bene osservarla sempre con attenzione per potere agire prontamente con un buon anticoccidico.

Attenzione: nonostante il suo aspetto carino e "indifeso" i glochidi ovvero le piccole ma innumerevoli spine sono tremende. Maneggiate sempre questa pinta con estrema attenzione e prudenza evitando di toccarla a mani nude, ci si ritrova infatti in men che non si dica con le mani ricoperte di piccolissime e fastidiosissime spine. Qualche anno fa dopo averne trapiantato una imprudentemente senza guanti mi strofinai involontariamente gli occhi e dovetti andare al pronto soccorso per farmi rimuovere ben 7 piccole spine dalla pupilla! 

 

Altre foto da Google Immagini

opuntia_microd.JPG Opuntia_microdasys_v_albispina.jpg

Articoli | 12-04-16 08:07 | Autore: Sergio | Visite: 12K

Nascondi 1 Commenti

Che casualità. Ieri stavo giusto spostando questa pianta dal terrazzo alla tromba delle scale, come ogni anno... ebbene mi sono ritrovata anche io con una spina conficcata nell'occhio che non voleva venire via.

Commento del 24-11-2020 00:15 di Utente Non Registrato

« Precedente | Articolo 294 di 651 | Successivo »