News

Epiphyllum oxypetalum

La pianta della settimana. Scheda tecnica

Famiglia:Cactaceae

Genere:Epiphyllum

Specie:E. oxypetalum

Sinonimi: Cactus oxypetalus, Cereus latifrons, Cereus oxypetalus, Epiphyllum acuminato, Epiphyllum Grande, Epiphyllum latifrons, Epiphyllum purpusii, Phyllocactus acuminatus, Phyllocactus grandis, Latifrons Phyllocactus, Phyllocactus oxypetalus, Phyllocactus purpusii Weing.

Nomi comuni: Regina della notte (Queen of the Night), Lingua di suocera, Dutchman's Pipe Cactus, Night blooming Cereus.

Etimologia: Il nome del genere deriva da due termini greci epí (sopra) e fýllon (foglia), per i fiori che nascono sopra i margini dei cladodi. Oxypetalum invece deriva dal latino evuol dire con petali acuti.

Origine: Epiphyllum oxypetalum è originaria del Messico meridionale e di vaste aree del Sud America. Orami molto coltivato anche in Cina.

Descrizione: Fusti verdi eretti e molto ramificati che col tempo lignificano alla base. In natura sono piante epifite e crescono sugli alberi delle grandi foreste tropicali. Hanno un fusto piatto, stretto, con i margini più o meno dentellati. Sono privi di foglie ma presentano rami piatti senza spine (cladodi).

La caratteristica principale di questo genere sono i grandi fiori molto profumati (benzilico salicilato), prodotti solo sui rami di almeno due anni che possono raggiungere anche i 30cm di diametro. I fiori si aprono di notte (da qui il nome Regina della notte) ed i petali bianco/panna sono lunghi sino a 17cm e acuminati in punta. La fioritura di solito avviane in estate ed è abbondante ma poco durevole (pochi giorni)

Coltivazione: La pianta ha bisogno di spazio e vasi capienti con terreno soffice e torboso. Trattandosi di pianta epifita tropicale necessita di un ambiente luminoso e caldo ma non eccessivamente soleggiato. Pe garantire una fioritura abbondante richiede concimazioni da marzo a settembre (ogni due irrigazioni). In inverno garantire una temperatura mai al di sotto dei 10 °C. 

Moltiplicazione: Si moltiplica per talea di foglia (10-15 cm) dalla fine di luglio agli inizi di agosto. Si lascia asciugare la ferita del taglio per circa una settimana. Dopo di che si piantano in una composta a base di terra fertile e sabbia per circa 1/3 della loro lunghezza ed il vaso si sistema in una posizione ombreggiata e ad una temperatura intorno ai 21°C sino a radicazione avvenuta.

 

ALtre foto da Google

4b15bdd13cf1e8665b5cf74abb44c66f.jpg oxyp_general.jpg 41h70DrHxpL._SX300_.jpg

Gio 2 Marzo 2017 alle 8:23 | Autore: Sergio | Visite: 4184

Ti potrebbe interessare anche:

28-11-2018 Crassula muscosa

03-11-2018 Frailea magnifica

29-10-2018 Turbinicarpus jauernigii

12-11-2018 Euphorbia platyclada

13-10-2018 Euphorbia tirucalli

« Precedente | Articolo 282 di 407 | Successivo »