News

Cyphostemma juttae (Cissus)

La pianta della settimana. Scheda tecnica

Famiglia: Vitaceae

Origine: Africa meridionale, Namibia (baia di Walvis) 

Habitat: cresce in zone rocciose (dolomie) e aride coperte da foreste semi-tropicali molto asciutte e calde. Questa specie ha circa 20 sottopopolazioni, distribuite su un area di circa 20.000 km².  Il gusto dei suoi frutti rossi, nonostante l'aspetto invitante, è molto aspro e ricco di tannini riescono a salvarla da animali affamati. 

Sinonimi: Cissus juttae

Descrizione: Succulenta caudiciforme. E' la specie più comune del genere Cyphostemma, ha la forma di un albero succulento, con molti steli gonfi a forma di bottiglia. Le ampie foglie di colore blu-verdi, formano una folta chioma. Ogni inverno perde le foglie succulente. I fiori che crescono all'inizio dell'estate sono poco appariscenti, ma i i frutti sono rossi e viola. 

Il tipico fusto a bottiglia cresce fino a 2 m in altezza e 1 m di spessore e ha la funzione di riserva d'acqua per i momenti di siccità. I rami hanno un aspetto legnoso con una corteccia bianca tipica di questa specie. In estate questa corteccia aiuta a riflettere la luce del sole per mantenere la pianta fresca. Le foglie decidue crescoino in primavera primavera e cade nei mesi invernali. Sono spesse, carnose e lobate. Le piante adulte hanno spesso foglie con forma trilobata con bordi frastagliati simile a quella della vite, raggiungono circa 15 cm. 

Coltivazione: anche se cresce lentamente è facile da coltivare. Richiede un terreno ricco ma ben drenato, in modo che asciughi rapidamente. Tollera bene periodi di siccità  ma apprezza abbondantemente acqua e concimazioni durante la stagione estiva. In inverno invece per prevenire marciumi lasciare quasi completamente asciutta. Le piante adulte resistono a -3°C per brevi periodi ma per non rischiare danni meglio ricoverarle in ambienti coon minime non inferiori ai 5 *C e ben ventilate (poca umidità).

Propagazione: I semi per germinare devono essere maturi e scarificati. La germinazione tende a essere lenta e irregolare, 6-12 mesi, a volte fino a 24 mesi. Le talee invece producono piante con un fusto meno caudiciforme.

Curiosità:  i Boscimani nell'Africa meridionale usano il succo di Cyphostemma per avvelenare le punte delle loro frecce. La corteccia liscia di carta viene invece usata in strisce grandi per avvolgere e trasportare alveari.

 

Altre foto da Google Immagini

Cyphostemma_juttae.jpg cyphostemma-juttae_1.jpg 9557795425_e6105d71d7.jpg

Lun 13 Novembre 2017 alle 7:45 | Autore: Sergio | Visite: 65

Ti potrebbe interessare anche:

04-11-2017 Opuntia dillenii f. reticulata

28-10-2017 Euphorbia pseudoglobosa

07-10-2017 Senecio Rowleyanus

01-10-2017 Schwantesia loeschiana

23-09-2017 Aptenia cordifolia

« Precedente | Articolo 348 di 348