News

Euforbia mammillaris forma variegata

La pianta della settimana. Scheda tecnica

Famiglia : Euphorbiaceae

Origine : Sud Africa (Little Karoo e Southern Cape area)

Habitat:  cresce nelle regioni aride dell'entroterra sudafricano tra cespugli spinosi insieme a Euphorbia esculenta ed Euphorbia ferox

Etimologia: il nome del genere deriva da Euforbo, medico greco di Giuba II, re di Mauritania. Il nome della specie "mammillaris" è per via dei tubercoli prominenti simili a mammelle

Descrizione: E. mammillaris è un arbusto dioico (cioè con fiori solo maschili o solo femminili) a gambo corto che produce un arbusto denso di ramificazioni. Il fusto è di colore verde intenso, eretto, semplice, nelle piante coltivate può ramificarsi. I fusti raggiungono i 6 cm di diametro e altezza di un metro.

I fusti hanno da 7 a 17 costole con tubercoli esagonali disposti in file verticali come quelli di una spiga di grano. Nell'euforbia fimbriata invece i tubercoli hanno forma conica.

Nei tubercoli ccasionalmente sono presenti peduncoli (spine evolute) biancastri lunghi fino a 1 cm. 

Fiore: da fine inverno produce ciazi rossi o arancioni, solitari giallo sulla cime di ciascun fusto con peduncoli lunghi 2 mm e con diverse brattee lunghe fino a 3 mm. 

 

La forma variegata è più attraente per il suo fusto color bianco-verdastro più o meno colorato con nervature verde smeraldo. In inverno con il freddo gli steli assumono colorazioni che virano sul rosso o rosa. 

Coltivazione: È una specie comune e facile da coltivare adatta per qualsiasi terreno ben drenato in pieno sole o ombra alta soprattutto in estate. Cresce velocemente. Richiede acqua regolarmente durante la stagione di crescita da marzo a settembre. In inverno teme gelate prolungate ma resiste se asciutta sino a -2 gradi °C.

 

Propagazione:   è facile da propagare per talea in tarda primavera-estate, basta prendere un taglio della pianta lascialo asciugare per 1 o 2 settimane e adagiarlo verticalmente nel terreno (preferibilmente sabbia o torba sciolta)

Avvertenza: tutte le Euforobie contengono linfa irritante per gli occhi e le mucose. In caso di contatto con questa linfa bianca, fare attenzione a non toccare il viso o gli occhi prima di lavarsi le mani con acqua e sapone.

 

Altre foto da Google Immagini

 

Euphorbia_mammillaris_f._variegata.jpg euphorbia_mammillaris_variegata7.jpg 20180503_095923.jpg

Gio 3 Maggio 2018 alle 14:17 | Autore: Sergio | Visite: 773

Ti potrebbe interessare anche:

24-07-2016 Euforbia milii

07-07-2013 Eulychnia castanea "varispiralis" forma cristata

31-05-2013 Stapelia Variegata

« Precedente | Articolo 360 di 402 | Successivo »