News

Echeveria agavoides

La pianta della settimana. Scheda tecnica.

Famiglia: Crassulaceae

 

Genere: Echeveria

 

Specie: Agavoides

 

Nome scientifico: Echeveria agavoides

 

Sinonimia: Cotyledon agavoides, Urbinia agavoides, Echeveria yuccoides, Urbinia obscura, Echeveria obscura

 

Varietà: In commercio si trovano spesso diverse cultivar, 'Lipstick' che ha bordi rossi delle foglie, 'Ebony' che ha bordi marrone scuro, quasi bordeaux e la cultivar 'Acquamarina' ha foglie color verde smeraldo.

 

Etimologia: Il nome della specie deriva dal pittore e botanico messicano Atanasio Echeverría. La specie agavoides è stata data per via della somiglianza con l'Agave.

 

Origine: Messico, San Luis Potosi (America centrale)

 

Descrizione: E. agavoides è una succulenta di piccole dimensioni che forma rosette di foglie grandi sino a 15 cm. Lo stelo può arrivare a 50 cm. Il fusto è di un bel verde pisello più o meno scuro in base all'esposizione. La caratteristica principale di questa pianta sono la forma delle foglie triangolari, spesse circa 6 mm con i bordi (margini) leggermente rosso bruno.

In primavera e estate produce steli allungati (sino a 50cm) su cui sbocciano piccoli fiori campanulati di color rosso/salmone con punte gialle. 

 

 

Coltivazione: Semplice. E' una pianta molto resistente ad ogni tipologia di esposizione e di terreno. In ogni caso garantire terreno drenante (che asciughi velocemente e non asfissi le radici). Una buona base puo' essere un buon mix pronto per cactus oppureper chi vuole prepararlo da se: il classico terriccio baseformato da 1/3 di terriccio universale, 1/3 di terra di campo e 1/3 di sabbione o pomice.  

Preferisce sole del mattino e ombra alta per il resto del giorno, soprattutto in estate dove potrebbe scottarsi nelle ore più calde. 

Dalla primavera all'autunno annaffiare abbondantemente solo quando il terreno è ben asciutto dalla precedente irrigazione. Anche se non strettamente necessario si puo' fertilizzare con fertilizzante per cactus a basso contenuto di azoto una massimo due volte al mese solo nel periodo di massima vegetazioneper favorire la fioritura. In inverno lasciare asciutta e non fertilizzare.

Rinvasare ogni due o tre anni rimuovendo la vecchia terra esausta e rimuovere le foglie secche alla base delle rosette. In questa occasione si possono togliere le foglie più grandi per rinnovare la pianta riproducendola per talea. 

 

Riproduzione: facile per talea di foglia a inizio primavera. Lasciare asciugare qualche giorno prima di far radicare su terreno sabbioso nebulizzato di tanto in tanto per mantenerlo leggermente umido. 

 

 

 

Altre foto di Echeveria agavoides

eagavoides26568a.jpg 402aae5a022aafd7154162969f0307c4.jpg 800px-Echeveria_Agavoides_(6105629489).jpg

News | 19-03-2019 08:16 | Autore: Sergio | Visite: 457

Nascondi 1 Commenti

tricodiadema densum

Commento del 15-08-2019 13:00 di Utente Non Registrato

Ti potrebbe interessare anche:

16-02-2019 Echeveria lilacina

16-03-2016 Echeveria nodulosa

23-10-2014 Ariocarpus agavoides

« Precedente | Articolo 531 di 572 | Successivo »