News

Puna bonnieae

La pianta della settimana. scheda tecnica

Famiglia : Cactaceae 

Nome scientifico : Puna bonnieae

Distribuzione :  Argentina  località tipo è Río Guanchín, vicino a Loro (Lora) Huasí

Habitat : cresce in alta quota (ca. 2000 m) in un terreno roccioso quasi senza vita. Le condizioni climatiche sono estremamente secche, con scarse piogge. Durante la stagione asciutta le piante sono quasi completamente nascoste nel terreno

Etimologia: Il genere nome “Puna” deriva dalla parola indigena "Puna"che indica la regione occidentale cge va dal Perù alla Bolivia passando per l'Argentina del nord.  Il nome della specie "bonnieae" deriva dal nome di uno degli scopritori: Mrs. Bonnie Brunkow (inoltre "Bonnie" significa grazioso in inglese).

Sinonimia:  Opuntia bonnieae, Maihueniopsis bonnieae, Puna rugosa 

Descrizione: Questo è una piccola opuntiia che assomiglia ad un piccolo Tephrocactus geometricus , ma la fioritura, i frutti e i semi mostrano sono diversi. Durante la stagione secca in natura crescono nascosti nel terreno. Forma lentamente un piccolo cuscino fino a 15 cm di diametro.  Gli steli sono piccoli generalmente globosi o  leggermente allungati fino a 2,5 cm di altezza e di diametro, sono attaccati saldamente alla base e non si staccano facilmente dalle piante madri come nei Tephrocactus.

Il colore varia dal blu al verde opaco ma diventano grigi invecchiando. I tubercoli sono bassi, leggermente depressi al centro in corrispondenza dell'areola. Si contano fino a 30 areole per fusto, ravvicinate, con glochidi e spine solo nella parte superiore dello stelo. Ha solo spine radiali (da 9 a 20) nessuna centrale. Sono di colore dal rossastro al marrone più scuro, invecchiando tendono ad un colore grigio biancastro. Le spine sono molto corte e leggermente piegati sullo stelo.
Il fusto ha una grande radice rapiforme ramificata, (le radici del Tephrocactus sono invece fibrose)
In primavera/estate produce grandi fiori rosa chiaro o rosato, di 3-4 cm di diametro.

Il pericarpo (cioè la parete del frutto) è nudo o ha solo poche setole lunghe fino a 3 mm. Questa caratteristica è tipica del genere Puna a differenza dei Theprocactus che ha numerose areole.

Coltivazione: Ha bisogno di un contenitore profondo per contenere la grossa radice. Usare un substrato minerale per evitare ristagni. In estate ha bisogno di una posizione molto luminosa, irrigare abbondantemente ma quando completamente asciutto, in inverno tollera il gelo -5 ( max- 10)°C se l'ambiante è secco e ben areato. Il freddo nel periodo invernale serve per la generazione di gemme fiorifere.  

Propagazione:  solitamente viene propagata per talea o innestata. Le piante innestate in coltura sono più comuni e germogliano più facilmente e velocemente.  

 

ALtre foto di Puna bonnieae

ceea311beea420dc9e6f4f37e636420c.jpg puna-bonnieae.jpg

News | 23-01-2020 07:23 | Autore: Sergio | Visite: 138

Commenta prima degli altri!

Ti potrebbe interessare anche:

02-04-2020 Euphorbia polygona

24-03-2020 Pyrenacantha malvifolia

16-03-2020 Ariocarpus lloydii

07-02-2020 Adromischus rupicola

29-01-2020 Sclerocactus papyracanthus

« Precedente | Articolo 587 di 600 | Successivo »