News

Sclerocactus papyracanthus

La pianta della settimana. Scheda tecnica

Famiglia: Cactaceae 

Genere: Sclerocactus

Specie: papyracanthus

Etimologia: "Sclerocactus" deriva dalla parola greca “sclero”  che significa "duro", riferendosi alla resistenza del tegumento del seme e alle spine, e dalla parola ‘cactus’ il vecchio nome del genere. Il nome della specie deriva dall'aspetto cartaceo della spinagione.

Sinonimia: Echinocactus papyracanthus, Mammillaria papyracantha,

Pediocactus papyracanthus, Toumeya papyracantha

 

Origine: È originario del Nord America, dove si trova dall'Arizona al New Mexico al Texas e in Chihuahua , nel Messico nord-orientale

 

Descrizione: Lo sclerocactus papyracanthus, meglio noto come Toumeya papyracantha è un piccolo cactus caratterizzato da una densa spinagione. Cresce fino a 8 centimetri di altezza per 2,5 di larghezza. È coperto da così tante spine che coprono quasi interamente il fusto verde di forma cilindrica. Sono di colore bianco, marrone chiaro o grigio, di consistenza cartacea e talvolta di forma contorta o ondulata.

Il fiore è lungo fino a 2,5 centimetri, spunta dall'apice e presenta tepali esterni di colore chiaro con strisce scure. Il frutto è verde e secco alla maturità.

 

Coltivazione: non é tra i cactus più  semplici da coltivare, per questo si trova spesso innestato. 

Coltivare in pieno sole o ombra alta per irrobustire la spinagione. Richiede composta minerale con un buon drenaggio. Dare acqua con moderazione, aspettare che il terriccio sia completamente asciutto prima di rinnaffiare. Tollera basse temperature sino a -12° C circa. Fornire una buona ventilazione d'inverno.

 

Riproduzione: difficile, i semi hanno una bassa percentuale di germinazione

 

 

Altre foto di Toumeya papyracantha

d951634e931a2a69462c79cfc908954d.jpg T1_gZZLX14A.jpg

News | 29-01-2020 07:08 | Autore: Sergio | Visite: 92

Commenta prima degli altri!

Ti potrebbe interessare anche:

05-11-2014 Glandulicactus (sclerocactus) uncinatus

« Precedente | Articolo 588 di 600 | Successivo »