Articolo

Lenophyllum guttatum

La pianta della settimana. Scheda tecnica

Famiglia: Crassulaceae

Genere: Lenophyllum. Il genere conta circa 7 specie e deriva dalle parole greche "lenos" e "phyllos" ovvero foglia a vaschetta (trigolo).

Specie: guttatum. Deriva da "gutta" e "atum",  per via delle foglie con macchie rosse

Origine: Messico nord-orientale (Coahuila e Nuevo Leon).

Sinonimi: Sedum guttatum

Descrizione: Lenophyllum guttatum è succulenta perenne, con foglie piatte, ottuse, marroni e attraenti. Precedentemente descritto da Mr. Rose come Sedum e spesso confuso come echeveria, i suoi petali lo distinguono da tutti gli altri generi correlati. Ha poche foglie di lunghezza variabile sino a 4cm, disposte in coppie opposte su germogli non fioriti, di forma da ellittico-ovato a romboidale, più larghe alla base, leggermente depresse al centro (a forma di barchetta). L'apice é ottuso o arrotondato, verde oliva-grigio, rosa grigiastro o verde chiaro, e coperto di sottili punti e strisce di marrone-nero o nero-viola.

Fiorisce in tarda estate su steli alti fino a 20 cm, rosati con foglie alternate sparse, ramificati verso l'apice.

I Fiori sono di colore giallo-verde, quasi senza stelo con 5  Sepali, carnosi, ottusi, di 6 mm di lunghezza, a forma di mazza; ciascun fiore ha 5 petali di 5 mm di lunghezza, ottuso, giallastro, eventualmente asciugando rossastro. Si contano da 5 a 10  tra i petali; nettari oblunghi, arancioni o giallo intenso; stimmi bianchi. 

Cultivar: molto apprezzata dai collezionisti sono le cultivar ibride o la forma variegata con striature colorate rosse o viola che contrastano con l'epidermide.

Coltivazione: i Lenophyllum sono strettamente correlati a Echeveria e possono essere coltivati con le stesse cure.  Nella coltivazione è essenziale utilizzare un terreno molto poroso, con adeguato drenaggio.

È necessaria una luce intensa per prevenire la filatura (come per le Echeverie); se le piante si mostrano allungate, pallide, sofferenti probabilmente non stanno ricevendo la giusta quantità di luce rispetto alle irrigazioni/fertirrigazioni.

Innaffiare accuratamente dalla primavera all'autunno solo quando il terreno è completamente asciutto al tatto. Riparare dalle gelate in inverno e lasciare asciutta.

 

Propagazione: Abbastanza facile dal seme o dalle talee, sia dalle singole foglie che da rosette.

 

Altre foto da Google immagini

(nell'ultima foto la forma variegata)

lenophyllum-guttatum.jpeg 3659859924_6b8e802cdb_b.jpg f8bc98dc4810c616b2846ec95f5aaae4.jpg

Articoli | 18-04-2020 07:21 | Autore: Sergio | Visite: 262

Commenta prima degli altri!

Ti potrebbe interessare anche:

22-10-2012 Lenophyllum pusillum (crassulacea)

« Precedente | Articolo 598 di 627 | Successivo »