Articolo

Euphorbia pugniformis

La pianta della settimana. Scheda tecnica 

Famiglia : Euphorbiaceae

Genere: Euphorbia

Nome scientifico :  Euphorbia pugniformis Boissier

Origine : Sudafrica, Western e Eastern Cape, area costiera da King Williams Town verso ovest a Mossel Bay.

Habitat: cresce in luoghi sabbiosi.

Etimologia : Il nome della specie deriva dal latino "pugnus" = "pugno" e latino "-formis" = "a forma di", per per la forma dei rami.

Sinonimia : Euforbia procumbens

Descrizione: L'Euforbia pugniformis è un'euforbia nana a forma di medusa senza spine che che nella sua forma normale ha un fusto succulento e numerosi rami leggermente tubercolati. Questa specie è strettamente correlata con altre euphorbie sempre con forma caput.medusae o pseudo medusae, tra le più coltivate troviamo: E. flanaganii, E. gorgonis, E. woodii, E. caput-medusae, E. fusca, E. tuberculata.

Lo stelo principale col tempo forma un caudex quasi completamente nascosto nel terreno, parte dalla radice formando un corpo subgloboso e leggermente depresso di 5-8 cm di diametro. Da esso partono numerosi rami radianti, cilindrici e affusolati verso le punte solitamente meno di 8mm di diametro e 8 cm di lunghezza, con tubercoli lunghi fino a 3 mm. Ogni tubercolo presenta una piccolissima foglia, deciduo, verde fino a 4-8 mm di lunghezza.

I fiori spuntano dagli apici dei rami in primavera. Sono composti da ciazi solitario di colore verde-giallastro, il peduncolo è grande circa 4 mm ed ha ghiandole di nettare giallo-verdastre minuscole dentate.

Molto apprezzata in coltivazione è la Euphorbia pugniformis forma cristata in cui i rami sono sono tutti uniti verticalmente a formare una unica cresta.

Coltivazione: è una specie a crescita relativamente rapida, ama crescere in un terreno minerale, ma è tollerante a vari tipi di terreno. In ogni caso un buon drenaggio è essenziale per non farla marcire. Annaffia solo quando è asciutta durante i mesi estivi e mantieniti asciutto in inverno. In estate meglio posizionarla all'ombra altrimente tente ad arrossire e contrarsi. 

Propagazione: da semina o da talee di rami. Più volte ho fatto talee di rami abbastanza facilmente in primavera. Si tagliano numerosi rami, con uno spruzzino d'acqua si spruzzano i tagli per fermare il lattice e si favvo asciugare bene per qualche settimana. In un vaso alto e stretto si poggiano su terreno sabbioso mantenuto umido i rami verticalmente senza sotterrarli. Non tutti ma una buona parte emetteranno radici e diventeranno una nuova pianta.

 

Altre foto da Google immagini

Screenshot_20200424-140644_Gallery.jpg Euphorbia_pugniformis_cristata_1c.jpg

Articoli | 24-04-2020 14:09 | Autore: Sergio | Visite: 472

Commenta prima degli altri!

Ti potrebbe interessare anche:

20-06-2020 Euphorbia schubei

18-07-2020 Euphorbia neohumberti

02-04-2020 Euphorbia polygona

17-02-2020 Il genere Euphorbia

21-11-2019 Euphorbia polyacantha

« Precedente | Articolo 598 di 627 | Successivo »