Articolo

Kalanchoe orgyalis

La pianta della settimana. Scheda tecnica

FAMIGLIA: Crassulaceae

GenereKalanchoe

Nome scientifico: Kalanchoe orgyalis Baker

Nomi comuni: Orso di cannella, Cucchiai di rame

Etimologia: il nome del genere deriva da kalan-chowi o kalan chauhuy che cade e si sviluppa, perchè spesso le foglie che cadono danno origine a nuove piante. LA specie orgyalis invece deriva dal greco ὄργυια órgyia in referimento alle sue notevoli dimensioni

Sinonimia: Kalanchoe antanosiana, Kalanchoe cantonasyana

Origine: Madagascar

Descrizione:  Si tratta di una bella crassulacea dalle foglie ovate color ruggine/bronzo. Ha un portamento arbustivo eretto poco ramificato e puo' crescere sino a 2 metri ed oltre. Col tempo, le foglie inferiori tendono a diventare color argento, creando un piacevole contrasto con le nuove foglie ramate.
Le foglie sono grandi 5-15 cm e larghe 3,5-10 cm, verde inizialmente, poi bronzo o marrone ruggine, con un colore grigio-verde o argento sul lato inferiore.  Le foglie sono leggermente incurvate verso l'alto come a formare un cucchiaio (da qui il nome comune "cucchiaio di rame"). Il colore ramato raggiunge il picco durante li mesi estivi. Il lato superiore delle foglie è ricoperto da minuscoli peli che la fanno apparire come fogli di carta vetrata. Il picciolo è lungo tra 5 e 15 mm. Le piante adulte in primavera producono infiorescenze formate da numerosi fiori giallo brillante

Coltivazione: È abbastanza facile da coltivare anche se cresce lentamente e puo' essere tenuta in casa in inverno. E' bene coltivarla in un terriccio abbastanza fertile ma con un buon drenaggio. Suggerisco ad esempio un mix di 2 parti di terriccio universale, 1 parte di terra di campo e  1 parte di sabbione (o pomice) o comunque materiale minerale in base da garantire un buon drenaggio.

In inverno si puo' coltivare in pieno sole ma in estate è meglio proteggerla dalla calura estiva diretta e posizionarla a mezz'ombra. 

Ha bisogno di annaffiature abbondanti ma è necessario aspettare che la terra sia completamente asciutta prima di annaffiare di nuovo. Nei periodi particolarmente caldi (da noi luglio e agosto rallenta la crescita quindi evitare bagnature ripetute). Attenzione perchè è più facile farla morire per le eccessive irrigazioni che per la mancanza d'acqua. In inverno dare solo annaffiature occasionali (solo quando la pianta inizia ad avvizzire), ma generalmente crescerà anche in inverno se le temperature non sono troppo rigide. 

In inverno resiste a temperature minima invernale intorno a 5 ° C, in realtà per brevi periodi alcune mi sono sopravvissute anche a brevi gelate.

 

Propagazione: Si propaga per talea di foglia o di steli in primavera.

 

 

 
c466bd1c542ad48b531fab5df951039c.jpg 61xYuYcZhqL._AC_SY450_.jpg 3e33467ae11a2c490b6808424ff58df0.jpg

Articoli | 20-05-20 14:34 | Autore: Sergio | Visite: 705

Commenta prima degli altri!

Ti potrebbe interessare anche:

29-08-2018 Il genere Kalanchoe

14-02-2018 Kalanchoe thyrsiflora

26-01-2015 Kalanchoe tomentosa

07-01-2019 Kalanchoe beharensis

« Precedente | Articolo 601 di 635 | Successivo »