Articolo

Delosperma lehmannii

La pianta della settimana. Scheda tecnica

Famiglia: Aizoacee

Genere: Delosperma (Il genere comprende circa 175 specie)

Etimologia: il nome del genere deriva dal greco dèlos (visibile) e spèrma (seme). La specie deriva invece dal nome del botanico Lehmann.

Origine: Capo orientale del Sud Africa. Estensione della presenza 70 km²

Habitat: La Corpuscularia lehmannii cresce su terreni di quarzite in un area di circa 70km2. Attualmente la sua presenza è minacciata dal fatto che i terreni su cui vice vengono destinati all'attività mineraria.

Sinonimi: Corpuscularia lehmannii, Delosperma lehmannii, Mesembryanthemum lehmanni, Schonlandia lehmannii 

Descrizione: E' una pianta comune per via della sua resistenza e rusticità. E' compatta e succulenta con foglie succulente verde-grigio, spigolose, dai fiori giallo-traslucidi. E' molto simile a Corpuscularia taylori ma ha una fioritura più abbondante. Col tempo forma cuscini o se coltivata in vaso tende a ricadere verso il basso.

Le foglie sono succulente ma rigide al tatto ed hanno 3 angoli vanno dai due cm du lunghezza e sono larghe sino a 8mm. I fiori durano parecchio dall'estate  al primo autunno, spuntano dalle ascelle delle foglie. I frutti sono capsule con 6-8 sezioni. I semi son molto piccoli (meno di 1mm).

Coltivazione: facile anche all'aperto in giardini rocciosi. Può sopportare senza problemi temperature fino a circa -4 ° o -5 ° C. Vive meglio con una luce intensa, anche pieno sole o ombra alta e un ampio flusso d'aria. E' meglio coltivarla in terreni sabbiosi ben drenanti. Un buon drenaggio è molto importante in quanto è incline al marciume radicale.  Come esempio va bene una composta base formata da 1/3 terriccio di foglie + 1/3 terra di campo + 1/3 inerti (pomice agriperlite ecc).

Annaffiare regolarmente durante la stagione di crescita, evitando ristagni d'acqua e lasciando asciugare bene tra un'annaffiatura e l'altra.In inverno se il terreno rimane freddo e umido per lunghi periodi potrebbe perdere l'apparato radicale per questo motivo meglio ricoverarla protetta dall'acqua.

Propagazione: si coltiva facilmente sia con la semina sia per talea di segmenti di steli

 

 

 

Screenshot_20200930-162531_Gallery.jpg Screenshot_20200930-162514_Gallery.jpg

Articoli | 30-09-20 09:31 | Autore: Sergio | Visite: 159

Commenta prima degli altri!

Ti potrebbe interessare anche:

06-10-2020 Opuntia monacantha

16-10-2020 Crassula marnieriana

15-09-2020 Lithops divergens

02-09-2020 Thelocactus setispinus

22-08-2020 Pachyphytum oviferum

« Precedente | Articolo 636 di 640 | Successivo »