Articolo

Aiuto! ho un problema con il mio Senecio!

La rubrica dei consigli

Mi scrive Monica:

Buongiorno, ho comprato questo senecio qualche mese fa. Fin da subito ha cominciato a seccare, l’ho quindi bagnato ma nel corsi dei mesi la sua situazione è lentamente peggiorata, fino ad arrivare ad oggi che è in queste condizioni. Non l’ho ancora capita come pianta, le do acqua solo a terreno asciutto e fino all’arrivo del temperature più fredde era in veranda, poi l’ho spostata all’interno. Ho staccato alcuni rami, tagliato la parte secca e interrati nuovamente ma sembra proprio che non radichino. Cosa posso fare?

Grazie mille!

 

Risposta:

Ciao Monica, grazie per avermi scritto, appena ho visto la foto ho subito pensato a problemi di irrigazione (ristagni). La composta è abbastanza drenante? si asciuga velocemente? 

Se è troppo torbosa rischia di rimanere impregnata troppo a lungo e le radici soffocano causando la morte della pianta a partire dalla base.

Non sempre comunque è colpa nostra, numerosi sono i fattori ambientali e non che possono determinare la perdita delle nostre piante. Ad esempio mi è capitato in passato di aver utilizzato un terriccio già usato, evidentemente esausto o "inquinato". Potresti provare a ripulire tutte le radici, lasciando solo quelle sane e trapiantare in un buon terriccio per cactus (ci son dei motivi se alcuni terricci costano pochi cent a litro ed altri 1 euro a litro!).

Il senecio è una pianta resistente, direi rustica, dalla primavera all'autunno innaffiala abbondantemente ma solo se la terra è completamente asciutta. Un errore che spesso si fa è quello di aver paura di bagnare e si bagna poco ragion per cui si bagna solo la terra superficiale ma la parte delle radici rimane completamente asciutta causandone la morte. Se hai la possibilità puoi immergerla in un contenitore pieno d'acqua e aspettare che si sia bagnata completamente.

Se vedi che nonostante tutte le cure stenta a crescere puo' essere utile aiutarla con un buon concime a basso contenuto di azoto meglio se dopo le prime irrigazioni in primavera.

Hai fatto bene a creare delle talee nuove per salvarla, io le taglio di  10 cm e le "dimentico" in un bicchiere alto con 1cm di sabbione, ricopro tutto con una bottiglia in plastica in modo da formare una cupola. Dopo alcune settimane controllo se hanno radicato e se lo hanno fatto le metto a dimora in un buon terriccio.

Questa operazione andrebbe fatta in primavera, ora non è detto che radichi ma sicuramente lo farà appena le temperature e le ore di luce aumenteranno, è una pianta resistente non dovresti avere problemi a salvarne alcune talee. Se hai una posizione calda e luminosa potrebbero essere comunque stimolate a radicare anche in questo periodo.

Buona coltivazione e continua a seguirmi!

 

Se anche tu hai qualche consiglio da chiedere invia una mail a info@unsitodelcactus.it

B9C64109-A0F6-4A11-89DB-3DA7E93776CD.jpg

Articoli | 17-11-20 12:41 | Autore: Sergio | Visite: 127

Commenta prima degli altri!

« Precedente | Articolo 649 di 653 | Successivo »