Articolo

Come salvare il mio grusonii

La rubrica dei consigli

Mi scrive Maria Grazie:

È la prima volta che vi scrivo xche nn vi conoscevo dopo un lungo studio su siti e consigli mi avete dato fiducia e mi sn decisa a scrivere.

Ho un cactus meglio conosciuto come cuscino della suocera quando l’ho comprato era piccolissimo con gli anni è cresciuto tantissimo da più di 6 anni l’ho piantato in giardino xche ormai troppo grande per state in un vaso e in giardino è cresciuto ancora di più ma la settimana scorsa mi sn accorta che nella parte anteriore superiore aveva delle macchie era del marcio appena provo a toccarla con una bacchetta cade allora mi decido a tagliare la parte marcia adesso è come in foto secondo voi ho fatto bene? Riscrescera? Ha bisogno di qualcosa? Essendo in giardino qnd piove la copro con un sacchetto per evitare che prenda acqua e con il sole la scopro cosa mi dite? Fiduciosa attendo un Vostro gentile responso

Cordiali Saluti

 

Risposta:

Salve Maria Grazia. Grazie della fiducia. Si, é stata una decisione sicuramente sofferta e coraggiosa ma l'unica possibile in queste circostanze. 

É fondamentale che si arrivi a tagliare sino alla parte completamente sana altrimenti il marciume si propagherá inevitabilmente. 

Puoi asciugare la ferita con borotalco oppure una miscela di curcuma+cannella e carbone di legna pestato. É un metodo antico ma completamente naturale che ho imparato nei paesi asiatici e viene usato per disinfettare le ferite delle piante prevenendo malattie fungine.

Purtroppo siamo nel mese di febbraio, le temperature sono ancora basse e le piogge frequenti e questo non aiuterà la guarigione ma d'altronde non avevi altra scelta. 

In questi giorni bisognerebbe osservare ogni tanto la consistenza della ferita. Un arrossamento a seguito del taglio può essere normale. E' importante capire se il marciume si é fermato. Se così non fosse bisogna intervenire nuovamente rimuovendo tutta la parte malata sino a trovare la polpa completamente sana con un coltello ben affilato e disinfettato con candeggina ad ogni taglio.

L'ideale sarebbe toglierlo dalla piena terra per lasciarlo per qualche tempo in una zona riparata dall'acqua e a radici nude per farlo asciugare bene.

Immagino che sia difficile quindi continua a coprirlo per non farlo bagnare e fagli prendere più luce e aria possibile nelle belle giornate!

Mi permetto di sconsigliarti il sacchetto per ripararlo perché crea un ambiente ancora più favorevole alla proliferazione dei funghi. Meglio una tettoia trasparente anche se di fortuna per ripararlo dall'acqua in modo che possa circolare l'aria. 

Buona coltivazione! Un caro saluto.

unsitodelcactus

 

 

mail_image1.jpeg mail_image12.jpeg image54_mail.jpg

Articoli | 20-02-21 08:19 | Visite: 949

Commenta prima degli altri!

« Indietro | 670 di 709 | Avanti »