News

Kalanchoe thyrsiflora

La pianta della settimana. Scheda tecnica

Famiglia: Crassulacee

Genere: Kalanchoe

Specie: thyrsiflora

Nomi comuni: Kalanchoe luciae, foglia pagaia (paddle)

Sinonimia/somiglianza: Kalysoe thrysiflora

Origine: Sud Africa (Swaziland, KwaZulu-Natal e Zimbabwe). Ma ormai comune in tutto il mondo

Descrizione: Sono molte le cultivar commercializzate che derivano dalla Kalanchoe thyrsiflora spesso con nomi fantasiosi decisi pù o meno casualmente dai vivaisti.

La più comune è conosciuta come K. luciae cv. 'Fantastic'  caratterizzata da colori vivaci del fogliame. Le foglie sono di colore verde-grigiastro, con parti giallo crema o bianche ed il margine fogliare quando esposto al soleo al freddo assume un colore rosso.

E' una succulenta perenne o biennale, solitaria o accestita a formare gruppi di circa 60 cm di diametro e 1,5metri di altezza massima. Nelle piante adulte la base del fusto perde le foglie che si seccano o spesso cadono a terra generando nuove piante.

In primavera sviluppa dalle rosette dell'anno prcedente un unico gambo robusto, ricurvo alla base, poi eretto e dritto, molto alto (solitamente 1 metro o più). I fiori sono peduncolati, eretti, tubolari, di colore bianco o giallo-verde pallido. 

La Kalanchoe luciae subs. montana rimane leggermente più bassa (meno di 1 m di altezza) ed ha uno stelo peloso. Foglie raramente obovate (di forma ovale con parte più stretta in basso). Questa sottospecie provviene dalle motagne Emtembe in Swaziland nell'Africa meridionale.

Coltivazione: Kalanchoe luciae è una pianta molto robusta e facile da coltivare. Ha bisogno di posizione luminosa, caldo e aria. Le foglie diventano completamente rosse in inverno, ma soffre se esposta a temperature sotto gli 0°C per periodi prolungati soprattutto con alta umidità (è resistente a -2 ° C per brevi periodi). 

Non ha bisogno di un terreno particolare ma è necessario garantire un compost ricco ma ben areato. E' bene aggiungere inerti per evitare ristagni e favorire il drenaggio. 

Dall'autunno alla primavera innaffiare regolarmente aspettando che asciughi tra una innaffiatura el'altra. Durante l'inverno mantenere asciutto o se la temperatura rimane alta irrigare con attenzione e parsimonia.

Rinvasare ogni 2/3 anni, o comunque quando stenta a crescere, con terra fresca e non necessariamente con vasi più grandi.

Parassiti e malattie: sebbene generalmente privo di malattie, può essere danneggiato da insetti infestanti come afidi, cocciniglie. Anche le lumache spesso rovinano in modo permanentemente le foglie. 

Propagazione: si moltiplica in maggio o giugno, molto facilmente staccando polloni dalla base della pianta principale o per talee di foglia.

 

Altre immagini da Google

 

51LhI-M5UZL._SX463_.jpg kalanchoe_thyrsiflora.jpg kalanchoe_thyrsiflora_fl.jpg

Mer 14 Febbraio 2018 alle 18:55 | Autore: Sergio | Visite: 1127

Ti potrebbe interessare anche:

29-08-2018 Il genere Kalanchoe

26-01-2015 Kalanchoe tomentosa

23-04-2014 Kalanchoe beharensis

« Precedente | Articolo 344 di 398 | Successivo »