Articolo

Haworthia retusa

La pianta della settimana. Scheda tecnica

Famiglia: Asphodelaceae

Genere: Haworthia

Etimologia: il genere Haworthia è dedicato al botanico ed entomologo inglese Adrian Hardy Haworth (1768-1833). La specie retusa deriva dal latino e si riferisce alla forma della foglia.

Origine : Provincia del Capo, Sud Africa

Habitat: cresce su colline argillose all'ombra di cespugli. Nello stesso areale convive con Haworthia turgida , Haworthia mutica e Haworthia retusa var. nigra . Spesso si ibridano tra loro. Nel suo habitat naturale è spesso interrato nel terreno fino alla parte fogliare con la finestra, spunta solo la superficie piatta finestrata..

Sinonimia: Haworthia retusa, Aloe retusa, Apicra retusa, Catevala retusa, Kumaria spicata

Descrizione: Haworthia retusa è una succulenta abbastanza comune in coltivazione con rosette verdi lucide a forma di stella. La caratteristica principale è che la superficie superiore delle sue foglie è piatta, le foglie hanno "finestre" quasi traslucide e venature verde chiaro e scuro, che danno un aspetto molto particolare alla pianta.  Questa pianta si ibrida facilmente dando origine a  piante variabili con caratteristiche intermedie. 

Il fusto è corto, le foglie succulente formano rosette corte e carnose, con 10-15 foglie. Ciascuna delle quali puo' crescere sino a 10 cm e poi col tempo formare raggruppamenti densi di diverse decine di cm di diametro.

Le foglie sono triangolari lunghe sino a 8 cme circa 1-2 cm di larghezza, ricche d'acqua e appiattite in punta. I colori variano dal verde lime a verde lucido, verde-bruno se esposte al sole. 

I fiori spuntano a inizio estate da steli semplici non ramificati alti fino a 30 cm.  Ogni stelo ha da 20 a 30 minuscoli fiori, di breve durata, piccoli, poco appariscenti, bianchi con venature bruno-verdastre e non particolarmente attraenti. 

Coltivazione: Le Haworthia sono facili da coltivare e crescono abbastanza rapidamente.  Le Haworthie sono succulente a crescita invernale e riposano quando da noi è estate. Quindi in inverno (soprattutto alle fine dell'inverno) se le temperature lo consentono gradiscono qualche irrigazione. 

Proprio per via del fatto che in inverno gradiscono qualche irrigazione meglio coltivarle in una miscela di terriccio abbastanza poroso per aumentare il drenaggio e fare in modo che asciughi rapidamente. Non hanno una grande apparato radicale quindi è sufficiente usare ciotole basse. Soprattutto in estate ha bisogno di una leggera ombra. 

In inverno essendo composta principlamente d'acqua pur resiste se asciutta a brevi gelate ma difficilemnet sopravvive sotto i -5°C

Propagazione: si propaga facilmente rimuovendo in primavera (solitamene al rinvaso) le rosette che nascono attorno alla rosetta madre.

 

Se ti piacciono le Haworthia ti suggerisco una lettura del sito di Gianluca Corazza

 

 

 

 

8007f6ac15ae59356bbcf522724c5bc0.jpg 5a0a4115b431fd1357b35dc9b5429252.jpg

Articoli | 13-08-20 07:42 | Autore: Sergio | Visite: 392

Commenta prima degli altri!

Ti potrebbe interessare anche:

16-09-2014 Haworthia attenuata

10-01-2017 Haworthia truncata

« Precedente | Articolo 623 di 651 | Successivo »