News

Gymnocalycium mihanovichii

La pianta della settimana. Scheda tecnica

Nome scientifico:   Gymnocalycium mihanovichii

Famiglia: Cactaceae

Genere: Gymnocalycium. Deriva dal greco e significa “calice nudo” in riferimento al modo in cui i fiori nascono dalla pianta, privi di protezione sul calice del bocciolo.

Specie: mihanovichii. Prende il nome dal botanico M. Mihanovich

Origine:  La specie G. mihanovichii è diffusa soprattutto nelle zone fredde e nuvolose dell’Argentina meridionalee del Paraguay (Chaco Boreal)

Habitat: cresce sotto i cespugli dove riceve luce solare diretta solo alcuni mesi all'anno. 

Sinonimia: Gymnocalycium mihanovichii f. yrendague, Gymnocalycium mihanovichii var. albiflorum, Gymnocalycium mihanovichii var. angusto-striatum, Gymnocalycium mihanovichii var. chloristictum, Gymnocalycium mihanovichii var. filadelfiense, Gymnocalycium mihanovichii var. filadelfiense, Gymnocalycium mihanovichii var. fleischerianum, Gymnocalycium mihanovichii var. friedrichii, Gymnocalycium mihanovichii v. Friedrichii f. albiflorum, Gymnocalycium mihanovichii var. friedrichii f. nigrum, Gymnocalycium mihanovichii v. Friedrichii f. nishikii, Gymnocalycium mihanovichii var. heesei, Gymnocalycium mihanovichii v. Hibotan, Gymnocalycium mihanovichii v. Melanum, Gymnocalycium mihanovichii var. melocactiforme Pazout, Gymnocalycium mihanovichii var. moserianum, Gymnocalycium mihanovichii v. Nichikii, Gymnocalycium mihanovichii v. Nishikii, Gymnocalycium mihanovichii var. pazoutianum, Gymnocalycium mihanovichii var. piraretaense Blossfeld ex Pazout, Gymnocalycium mihanovichii var. piraretaense subvar. albiflora, Gymnocalycium mihanovichii var. piraretaense subvar. Filadelfiense, Gymnocalycium mihanovichii var. robustior, Gymnocalycium mihanovichii var. roseiflorum, Gymnocalycium mihanovichii v. Rubrum, Gymnocalycium mihanovichii var. rysanekianum, Gymnocalycium mihanovichii var. rysanekii Pazout, Gymnocalycium mihanovichii fo. stenogona, Gymnocalycium mihanovichii var. stenogonum, Gymnocalycium mihanovichii var. stenostriatum.

 

Descrizione: E' un picclo cactus di forma globosa depressa all'apice, può raggiungere 5-6 cm di diametro e 4 cm di altezza. E’ una pianta che ramifica (pollona) dalla base, ha solitamente 8 costolature ben marcate con scanalature trasversali. La caratteristica principale di questa specie è la colorazione dell'epidermide. A prescindere dalla esposizione il colore è variabile e va dal verde al rossiccio o completamente rosso (privo di clorofilla) nelle forma rubra (“HIBOTAN"). In natura si può presentare anche di colore verde scuro, a volte quasi marrone scuro. Ha areole bianche con spine corte. Fiorisce in primavera e i fiori hanno un aspetto setoso e possono essere di colore bianco con sfumature verdi, oppure rosa o giallo/verde. 

Tra le varietà più comuni troviamo: Gymnocalycium mihanovichii var. friedrichii che produce fiori rosa violacei, i fiori ben aperti e ha costole alte e fili con variegature orizzontali vicino alle areole.

La forma ibrida HIBOTAN rossa priva completamente di clorofilla è commercializzata innestata su Hylocereus per garantire un crescita rapida ma di contro non è durevole e ogni 2 anni andrebbe reinnestato inquanto raramente radica e cresce su proprie radici. Le forme variegate invece possono essere coltivate franche.

 

Coltivazione: è una pianta facile da coltivare, gradisce posizione luminosa ma non sole diretto, soprattutto per le forme variegate. Dare acqua regolarmente in estate quando asciutta non in inverno. È abbastanza resistente al gelo (sino a -5°C) se tenuto in posizione ben areata e luminosa.

Le forme senza clorofilla innestate su Hylocereus invece vanno coltivate come se fossero Hylocereus quindi innaffiate regolarmente in estate, gradiscono più umidità rispetto alle altre cactacee e in inverno non sopravvivono e marciscono facilmente se la temperatura scende sotto i 10°C. 

Propagazione : semina. Le varietà variegate sono propagate per innesto.

 

 Altre foto da Google Immagini

8543927331_279e7dfb6b_b.jpg DSCN0565.JPG Gymnocalycium_mihanovichii_friedrichii.jpg

Sab 24 Marzo 2018 alle 14:58 | Autore: Sergio | Visite: 959

« Precedente | Articolo 349 di 407 | Successivo »